Il fimo contiene sostanze tossiche?

 

Quasi sicuramente, gli appassionati di fai da te conosceranno o avranno usato il fimo in più di una occasione, senza sapere che di per sè possedeva delle tossicità.

Composizione del Fimo

Fino ad alcuni anni fa, il Fimo era composto principalmente da:

  • poli-vinilcloruro, più comunemente noto come PVC, usato nella produzione di dischi musicali, profili per finestre, serramenti in generale, pellicole per imballi, cartotecnica e tanto altro ancora
  • ftalati, che altro non sono che derivati dal petrolio con la funzione di ammorbidenti, che andiamo ad usare quotidianamente, molto spesso senza nemmeno saperlo, in quanto contenuti in prodotti di uso comune, come smalto, shampoo, profumo, creme e molti altri oggetti che riempiono le pareti domestiche e non solo.

Tutto ciò dovrebbe indurci a riflettere sul fatto che siamo pressoché circondati da prodotti che in qualche modo contengono tracce tossiche, quello che invece abbiamo il diritto di sapere è se questo prodotto, usato dai nostri bambini per giocare e da tutti coloro che si cimentano nel realizzare creazioni originali, può essere dannoso alla nostra salute o meno.

SQC: Salto di qualità certificata

Proprio per il fatto che il Fimo viene venduto come giocattolo, indipendentemente dalle svariate modalità con cui viene impegato da chiunque, le normative europee hanno applicato delle restrizioni, costringendo i produttori di tale materiale a rivederne la composizione sia per cercare di eliminarne la tossicità ma anche allo scopo di non andare ad inquinare l’ambiente circostante, per cui tutti i derivati del petrolio sono ormai un lontano ricordo: eliminati gli ftalati, eliminati gli ammorbidenti.

Nuova composizione chimica del Fimo

I panetti di Fimo prodotti da un po di tempo in avanti, presentano una composizione chimica del tutto nuova e certamente più sicura.
Come si è capito stiamo parlando un materiale termoindurente, dall’aspetto e dalla consistenza della comune plastilina, con la differenza che la solidificazione avviene dopo una cottura alla giusta temperatura.

  • ancora presenta il PVC (poli-vinilcloruro)
  • un plastificante
  • un riempitivo
  • un colorante

Tra i pregi che si possono riscontrare, andiamo sicuramente ad annoverare il fatto che questi panetti non seccano all’aria, hanno dei tempi di conservazione molto dilatati, resistono in maniera impeccabile ad acqua e umidità (in quanto sono di per se idrorepellenti) e si presentano già colorati, con la possibilità di creare dei mescolamenti di colori.

Qualità ed efficienza

Andando a cambiare la composizione chimica del Fimo, ed eliminando, come già detto, gli ftalati, derivati del petroli, ne abbiamo sicuramente ricavato un beneficio per la nostra salute; nonostante ciò è bene precisare che per via della nuova struttura chimica di tali panetti, vi sono dei piccoli accorgimenti da evidenziare. I nuovi panetti di Fimo si induriscono a temperature più basse.
Le case produttrici hanno perciò stabilito una temperatura media alla quale cuocere le nostre produzioni per ottenere un risultato di qualità: sono sufficienti 110 gradi fino ad arrivare ad un massimo di 130.

Siamo noi a giocare con il Fimo o è il Fimo a giocare con noi?

cee composizione chimica fimoCerchiamo di tirare un po le fila del discorso dalla breve digressione fatta su questo tipo di materiale.
Partendo dal presupposto che stiamo parlando di un materiale classificato come giocattolo, abbiamo visto che, negli anni, le potenzialità, per così dire “pericolose” del Fimo, sono state arginate, grazie alle nuove normative in maniera di sicurezza.
La CEE ha preteso che venisse cambiata la composizione chimica, andando ad eliminare le sostanze tossiche presenti nelle prime produzioni.
Per cui, se prima tale materiale conteneva solo delle tracce di ftalati, potenzialmente nocivi, ora possiamo tirare un sospiro di sollievo e continuare a produrre, creare e giocare con il Fimo in tutta tranquillità.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *